La morte di Dio in prima serata (di Riccardo Chiaberge – ilsole24ore)

La morte di Dio in prima serata

di Riccardo Chiaberge – 14 dicembre 2009 – il Sole24ore

Applaudire il Papa non costa nulla, ed è il miglior salvacondotto per continuare a fare il contrario di quello che il Papa si aspetta da noi. Come ha osservato Aldo Grasso, il j’accuse di Benedetto XVI contro il «meccanismoperverso» dei media che amplificano il male e intossicano i cuori è stato approvato con fervore sospetto proprio da quelli che più praticano un certo tipo di televisione: «A cominciare da Bruno Vespa che per anni ha vissuto sui trans, sulle escort, sui delitti di Cogne e di Garlasco, facendo vedere cadaveri e sangue, e non sembra avere nessuna intenzione di smettere». «La tv è un mezzo straordinario, di una complessità meravigliosa» , sostiene il critico del Corriere, che ha partecipato al convegno «Dio oggi» promosso dalla Cei: ma in essanon c’è posto per l’assoluto. Soltanto il relativo fa audience.

Ratzinger
Ecco dove si annida il mostro relativista e nichilista che sta divorando la civiltà cristiana, e contro il quale il pontefice non si stanca di metterci in guardia: non nei laboratori del Cnr o nelle aule della Sapienza, ma negli studi di Saxa Rubra e di Mediaset. Nei salotti catodici in cui tutto è opinione, perfino le sentenze passate in giudicato. Dove i saccenti hanno la meglio sui sapienti, dove il parere di una showgirl o di un bellimbusto ignorante vale più di quello di un magistrato poco telegenico, i condannati per assassinio diventano divi, le profezie maya sono messe sullo stesso piano dei modelli elaborati dai climatologi, e i pregiudizi ideologici di un sottosegretario hanno un peso superiore ai giudizi di uno scienziato.

E il premier, a seconda del colore di chi interviene, è per cinque minuti un mafioso e un martire per i successivi cinque. Ma mai, neppure un istante, quello che dovrebbe essere: un capo di governo chiamato a rendere conto delle promesse non mantenute.

«Senza verità, senza fiducia e amore per il vero, non c’è coscienza e responsabilità , e l’agire sociale cade in balia di privati interessi e di logiche di potere»: sono parole di Joseph Ratzinger, nella sua ultima enciclica. Già, la verità. Povera veritas, quante volte ci capita di vederla seduta sui divanetti televisivi, affollati di imbonitori? Altro che Scientismo ateo: è dal Saccentismo mediatico che dobbiamo guardarci.
Anche e soprattutto quando si finge devoto.

http://riccardochiaberge.blog. ilsole24ore. com/ 

(articolo segnalato da Marco Silvestri, beneventano)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...