La limitazione alle intercettazioni contribuisce a un cambiamento dal basso – di Alessio Masone

La limitazione all’utilizzo delle intercettazioni, voluta dal governo, a prima vista, ci appare a danno della popolazione. Riflettendo, con un ridotto utilizzo delle intercettazioni, gli italiani, per avere idea di chi colpevolizzare della mala gestione dei beni comuni, non potranno più affidarsi ai singoli casi d’impulso della magistratura.

La popolazione, non potendo intraprendere una caccia alle streghe, a carico di singole persone, dovrà mettere in discussione complessivamente il sistema.

In mancanza di singoli nomi da colpevolizzare, la popolazione non potrà più delegare, ai mass media e alla magistratura, l’individuazione degli obiettivi su cui dirigere il proprio sentimento di rabbia: la popolazione, obbligata a sospettare di chiunque faccia parte del sistema, dovrà imparare a esercitare, in prima persona, il dissenso al sistema di cui è parte e, quindi, anche a mettere in discussione sé stessa.

Cosa risolve il “linciare” un certo Scialoia (o Scagliola o Scarola) che, nel suo ruolo di esponente politico, potrebbe essere reo di concussione, se il sistema politico, nel suo insieme, è collassato?

Ogni volta che fallisce un sistema, questo, per non mettersi in discussione, promuove nella popolazione una morbosa individuazione del capro espiatorio, dell’untore, della strega da colpevolizzare.

La sopravvivenza di ogni sistema complesso pretende le sue vittime: la biologia si fa strada grazie alla malattia e alla morte che aggrediscono gli esemplari più deboli. Il sacrificare alcuni membri del sistema realizza una selezione naturale utile a fortificare quel sistema.

Il “mercato del lavoro criminale”, secondo gli studiosi, è un sistema in cui ogni individuo che viene espulso, per volontà della magistratura o per cause naturali, produce un’opportunità per altri individui, più giovani e più evoluti, che premono per entrare in quel mercato di lavoro.

La stessa “Tangentopoli” è una dimostrazione di questa regola: ha prodotto un terremoto a danno di singole e sfortunate persone, ma il sistema ne è risultato rinvigorito da nuove forze, ancora più prestanti nel settore della corruzione e della concussione.

La società civile, quando viene individuato l’autore di un reato, non avrebbe niente da gongolarsi. Ogni volta che viene all’evidenza che un membro della popolazione, quindi, uno di noi, ha commesso un reato, di fatto, viene alla ribalta un nostro insuccesso perché quell’evenienza è sintomo che il sistema di cui siamo parte e, quindi, coautori, ha fallito: invece di gioire, dovremmo metterci in discussione, nel nostro interfacciarci con l’altro e nei nostri stili di vita.

Alessio Masone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...