Gestione maieutica dei conflitti come alternativa alla violenza

Evitare il conflitto comporta dare spazio a quella violenza che tende a “eliminare” la causa e i soggetti del conflitto.

Evitare il conflitto comporta un mancato apprendimento nell’area della relazione interpersonale e di gruppo.

Centro Psicopedagogico per la pace e la risoluzione dei conflitti

L’esperienza che in tutti questi anni abbiamo maturato nella gestione dei conflitti ci ha aiutato a sviluppare questa convinzione: il conflitto non è un problema, un male, della relazione, ma ne è un elemento costitutivo: le relazioni che non consentono i conflitti sono bloccate, non possono quasi dirsi tali.

E non solo il conflitto è costitutivo della relazione, ma, se impariamo a distinguere tra conflitto e violenza che sono due esperienze ben diverse, ci accorgeremo che il conflitto è anche un’importante occasione di apprendimento.
Attraverso i conflitti è possibile imparare molto su di sé e sugli altri e acquisire importanti competenze interpersonali e sociali.
A partire da questa convinzione abbiamo cercato l’approccio più efficace nell’aiutare le persone ad apprendere dai propri conflitti, e abbiamo recuperato il concetto di maieutica, intesa come quella capacità relazionale di stimolare nell’altro un processo di apprendimento personale, interiore, sostenibile e creativo.

L’approccio maieutico guida oggi il nostro lavoro nei diversi campi in cui interveniamo ed è oggetto di un percorso interno di studio e ricerca.
La maieutica, l’arte della levatrice, applicata alla gestione dei conflitti in ambito formativo, consulenziale e pedagogico, ci consente di creare spazi di decantazione di esperienze difficili; di supportare l’esplicitazione di vissuti interiori a cui non sempre è facile accedere; di favorire una narrazione che recuperari il senso di eventi e fatti; di stimolare la liberazione di energie creative personali.
La maieutica non offre soluzioni tecniche ai conflitti, ma apre a nuovi esiti: la soluzione del conflitto risiede nella capacità della persona di assumere un compito, una responsabilità (saper dire di no, ad esempio, o accettare che occorre del tempo, o assumere una nuova prospettiva che aiuta a vedere le cose nascoste).

Ogni conflitto implica una risorsa e una risposta particolare: non esistono risposte standardizzate. Ogni conflitto ha il suo compito: ogni conflitto ci dà un compito maieutico, e sta a noi scoprirlo, rispettarlo e viverlo come riorganizzazione e come apprendimento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...