La rivoluzione dei cittadini coautori del mondo. Resoconto, con foto, della Notte di resistenza libraria/barattaria

Si respirava l’aria di una rivoluzione culturale che si affranca da ogni intermediazione e delega, grazie ai cittadini che si sono BARATTATI EMOZIONI (performance artistiche, saperi concreti, cibi cucinati) e oggetti capaci (cibo autoprodotto, libri e oggetti): smesse le separazioni, oramai fruitori/artisti e consumatori/produttori, questi cittadini sono stati coautori della Notte di resistenza libraria e barattaria del 5 luglio 2013.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La rivoluzione culturale dei cittadini coautori del mondo
Notte di resistenza libraria e barattaria: il resoconto di una prova di cittadinanza artistica/economica non delegata
.
Si respirava aria di rivoluzione culturale grazie a cittadini che, smesse le separazioni, oramai fruitori/artisti e consumatori/produttori, sono stati coautori della Notte di resistenza libraria e barattaria del 5 luglio 2013.
.
Un centinaio di cittadini anticipatori di una società, inclusiva e senza intermediari a cui delegare la vita, si è aggregato nel cortile della libreria indipendente Masone, una sorta di aia di masseria innestata in città, come un mondo rurale di ritorno protagonista dell’identità e dell’economia di una popolazione capace di cambiamento.
.
Superato il modello occidentale, dove i costi occulti, quelli sociali e ambientali, sono oramai maggiori dei vantaggi economici, superato il paradigma dell’economia delegata, dove i costi dei servizi sono maggiori dell’economia reale, il nuovo cittadino necessita di rivalutare i mestieri manuali e una fruizione esperienziale, tramite i quali si partecipa in prima persona a un’arte e un’economia, entrambi reali, che realizzano una cittadinanza inclusiva, una giustizia sociale e una felicità diffusa.
.
In questa dimensione di coautorialità e di coesione, in cui ognuno è fruitore dell’altro, in molti hanno resistito tutta la notte, barattando un cibo, una prestazione artistica o un sapere concreto.
.
Hanno resistito, alcuni recitando Calvino e Pirandello (Peppe Barile) o “Il bambino palloncino” di Francesco Silvestri (Giosuè Zurzolo) o il “Parlamento” di Carducci (Francesco De Ciampis) o un dialogo di Achille Campanile (Tony e Giuseppina Capozzi); altri accompagnando la Notte con le loro musiche di ricerca (Maurizio Chiantone e Enrico Pofi) o con la tammorre (Carlo Guarino) o con una jam session (Raffaele Morgillo, tromba, Dario Lombardo, chitarra); altri, creando armonia, hanno ballato la tammurriata (Lorenzo Canzanella, Nathalie Siviglia, Daniela Severgnini); altri proiettando un proprio reportage fotografico dal Libano (Ernesto Di Gennaro) o la propria ricerca fotografica (Alessandro Caporaso); altri intervenendo sul femminicidio (Aldina Parrella) o con un monologo su Franca Rame (Brunella Severino); altri leggendo “I poeti lavorano di notte” di Alda Merini (Mariapaola Bianchini); altri intervenendo sull’arte dei burattini (Angelo Miraglia) o sul cambiamento degli stili di vita (Anna Russo) o sulla pasta madre (Pompeo Castelluzzo) o sullo scambio di talenti senza passaggio di denaro (Maria Sonia Baldoni) o sul woofing, un viaggiare soggiornando presso le fattorie in cambio di lavoro (Maria Pia Cutillo) o sulla meditazione e lo yoga (Olimpio Coscia).
.
Ma numerosi cucinieri hanno resistito, barattando cibo cucinato che, grazie alla cenaBaratto, riconduce all’essenzialità e alla convivialità, fili conduttori della Notte (Peppe De Rienzo, Carmen Lucarelli, Francesco Bianco, Laura Lombardi, Brunella Severino, Pompeo Castelluzzo, Nina Iadanza, Stella Vittoria, Maria Grasso, Maria Pia Cutillo, Angela Maria Zeoli, Anna Russo, Rocco Albanese, Mauro Palumbo, Maria Letizia De Sciscio, Maru Peca).
.
Numerosi hanno resistito partecipando a un mercatino delle inclusioni e dell’ecovicinanza. Qui, alcuni esponevano cibi responsabili e capaci di cambiamento (Angela Maria Zeoli, Anna Russo, Mara Savoia, Donato Callisto, Domenico Perito, Rocco Albanese, Alessandro Caporaso); altri esponevano burattini realizzati a mano (Angelo Miraglia) o angeli realizzati con la lana non filata delle pecore del regio tratturo (Angela Maria Zeoli) o i prodotti per la raccolta fondi di Emergency (Roberto D’Andrea, Matilde Caporaso); altri realizzavano, in estemporanea, mattonelle dipinte e disegni (Aniello Saravo e Tiziana Fulgieri) o giochi in legno in stile medievale per Benevento Longobarda (Pasquale Pedicini, Valentina Iannazzone, Nicoletta Cestrone, Marianna Laudato), altri promuovevano il baratto di libri e oggetti (Brunella Severino) o il questionario per rilevare nel cittadino passioni e specificità extraprofessionali (Rosita Carrozza).
.
Altri hanno resistito anche lavorando all’organizzazione dell’evento (Mariapaola Bianchini, Brunella Severino, Benedetta Rotili, Nina Iadanza, Carmen Lucarelli, Mariapia Cutillo, Mara Savoia, Anna Russo, Rosita Carrozza, Maria Letizia De Sciscio, Nunzio Castaldi, Daniele Izzo, Peppe Nenna, Alessio Masone, Francesco De Ciampis, Lorenzo Canzanella, Peppe De Rienzo, Mauro Palumbo, Ernesto Di Gennaro, Donato Callisto, Domenico Perito, Rocco Albanese, Alessandro Caporaso, Pompeo Castelluzzo, Francesco Bianco).
.
Altri ancora hanno resistito anche solo assistendo alle esibizioni artistiche e partecipando alla cenaBaratto: praticamente, hanno barattato il loro ruolo di testimonial di filiera corta a favore di un altro mondo possibile, per contrastare il modello escludente e competitivo promosso dai testimonial famosi dello spettacolo e dello sport.
.
Alcuni interventi artistici, per mancanza di tempo, non sono stati realizzati: ci scusiamo per questo.
.
(slideshow: foto di Alessandro Caporaso, Mariapaola Bianchini, Alessio Masone)
.
Le foto che seguono sono di Alessandro Caporaso.
Clicca su una di queste per vederle scorrere nel formato maggiore.
Annunci

Una risposta a “La rivoluzione dei cittadini coautori del mondo. Resoconto, con foto, della Notte di resistenza libraria/barattaria

  1. una serata bellissima, mangiato meglio che da un grand gourmet, Beh…divine le zucchine ripiene e la pasta e fagioli. Letture memorabili! Barile è un attore grandissimo, e che dire delle streghe, della Benevento longobarda, del sorriso di Nina, dell’infaticabile Alessio…Grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...